La funzione educativa del museo e del patrimonio culturale

Al termine di un anno in cui il tema dei pubblici museali, in particolare quelli più "difficili" perché meno motivati e interessati è stato più volte al centro dell'attenzione, riesce opportuno il richiamo fatto dalla Commissione per l'Educazione e la Mediazione museale di ICOM Italia alla centralità delle funzioni educative nel museo contemporaneo, con un significativo accento sull'apertura del museo ai territori ed alle comunità interpretative di riferimento.

I musei - si legge nel documento finale - "hanno una responsabilità sociale nei confronti della comunità territoriale di riferimento" e possono "svolgere un ruolo sociale importante, combattendo diversi fenomeni di esclusione e proponendosi come terreno di sperimentazione per nuove forme di cittadinanza culturale, promuovendo e sostenendo coesione sociale e appartenenze territoriali".

Numerosi musei hanno avviato attivamente, in questi anni, rapporti con le comunità territoriali di riferimento "segnando - nei casi più avanzati - un significativo passaggio da un'attenzione prioritaria centrata sull'incremento della fruizione e dell'accessibilità a un obiettivo di più vasta portata, che concerne la partecipazione dei pubblici alla vita del museo, anche accogliendo nuove interpretazioni delle collezioni".

Il documento, peraltro, non considera soltanto il tema del rapporto tra i musei ed i pubblici (con riferimento specifico, tra il resto, ai rapporti tra musei e scuole), ma si addentra nelle soluzioni gestionali, nei curricoli formativi, nei profili professionali, nello spazio decisionale ed operativo che dovrebbero aprirsi per le funzioni educative dei musei.
Ve lo presentiamo in allegato, consigliandone la lettura estesa.

Auguri di buon anno!

Lo staff del Centro Risorse

 

L'immagine proviene dall'Archivio Fotografico del Museo Tattile Statale Omero

AllegatoDimensione
2-DocICOMdef.pdf98.43 KB
/